Counseling: Libere Università non legalmente riconosciute e pubblicità ingannevole – Scuola Superiore di Counseling in Psicologia della Salute
Counseling: Libere Università non legalmente riconosciute e pubblicità ingannevole – Scuola Superiore di Counseling in Psicologia della Salute

Molti lettori ci scrivono per avere informazioni circa la validità dei titoli rilasciati da “Università” libere o popolari, e specialmente circa la validità dei titoli da esse rilasciati. Spiace dover rimarcare come, nella maggioranza dei casi, non venga esaurientemente chiarito come tali titoli non hanno alcun valore legale, e neppure possono essere considerati utili ai fini di un futuro “riconoscimento” legislativo. Prima di farsi illudere da pubblicità ingannevoli, suggeriamo di leggere attentamente quanto segue, e di informarsi presso le sedi competenti e non presso le scuole di Counseling, le quali hanno tutto l’interesse a vendere i loro corsi, spesso a scapito della corretta comunicazione.

La denominazione “Università” è riservata, per legge, ai sensi dell’articolo 10, comma 1, del D.L. 1 ottobre 1973, n. 580, recante “Misure urgenti per l’Università”, convertito con modificazioni nella legge 30 novembre 1973, n. 766, alle università statali ed a quelle non statali riconosciute per rilasciare titoli aventi valore legale. L’articolo in esame dispone, infatti, che “le denominazioni di università, ateneo, politecnico, istituto di istruzione universitaria, possono essere usate soltanto dalle università statali e da quelle non statali riconosciute per rilasciare titoli aventi valore legale a norma delle disposizioni di legge”. Allo stesso modo i titoli di studio universitari e le qualifiche accademiche sono soltanto quelli previsti per legge (individuati, in via primaria, dalla legge 13 marzo 1958, n. 262, recante “Conferimento ed uso di titoli accademici, professionali e simili”, e, in particolare, dall’articolo 1, volto a disporre che “le qualifiche accademiche di dottore, compresa quella honoris causa, le qualifiche di carattere professionale, la qualifica di libero docente possono essere conferite soltanto con le modalità e nei casi indicati dalla legge” e dall’articolo 1 della legge, recante “Riforma degli ordinamenti didattici universitari”, 19 novembre 1990, n. 341) e possono essere conferiti, con le modalità e nei casi indicati dalla legge stessa, esclusivamente dalle istituzioni universitarie statali e non statali autorizzate a rilasciare titoli aventi valore legale (articolo 2 della legge n. 262/58 e articolo 1 punti 1. e 2. del R.D., recante “Testo unico delle leggi sull’istruzione superiore”, 31 dicembre 1933, n. 1592).

E’ superfluo ricordare che l’utilizzo e la pubblicità relativa a istituzioni denominate “Accademie”, “Libere Università “ o “Università popolari” configura una precisa violazione di legge e un inganno nei confronti dei consumatori quando si tratta di istituzioni private prive delle necessarie autorizzazioni di legge, le quali non possono rilasciare Diplomi di laurea nè altri titoli che in qualunque modo abilitino all’esercizio di una nuova professione. Non ci risulta, ed è assolutamente pacifico, che nessuna Scuola di Counseling possieda la necessaria autorizzazione per rilasciare  titoli di laurea universitari e tantomeno per riconoscere nuove professioni. Inoltre, la qualifica di “Libera Università” che molte scuole si attribuiscono, è chiaramente, alla luce delle disposizioni sopracitate, una precisa violazione di legge.
Occorre altresì precisare che esistono Università popolari che si fregiano legittimamente di questo titolo, come ci segnala la Presidente dell’Associazione “Avalon”, Dr.ssa  Elisa Savarese, in quanto espressamente e specificamente a ciò autorizzate da un apposito Decreto legge del 21 maggio 1991. A maggior ragione, quindi, invitiamo coloro che siano interessati a frequentare una Scuola che si fregia del titolo di “Università”, a verificare se essa sta ingannando i suoi potenziali clienti, come purtroppo avviene nella maggior parte dei casi, oppure se tale titolo le è conferito dalla affiliazione alla Confedereazione nazionale delle Università popolari Italiane, o da altro specifico riconoscimento legislativo (per approfondimenti, si veda l’interessante e chiara precisazione circa l’utilizzazione della denominazione “Università” in : http://www.cnupi.it/scaffale/NomeUniversità.doc.pdf).
Per esempio, la “Libera Università del Counseling” non risulta essere stata autorizzata a fregiarsi del titolo di Università da parte di una legge dello Stato, ma vanta soltanto una semplice delibera del Comune di Tolentino relativa alla sua sede di rappresentanza, la quale, come è ovvio, non costituisce titolo legislativo valido per fregiarsi della denominazione di “Universita'”. Ciò, significa, molto semplicemente, che il consorzio in questione viola palesemente la legge, integrando anche, nella fattispecie, il reato di pubblicità ingannevole, in quanto tale denominazione induce ad attribuire valore legale di titolo universitario a quelli rilasciati dalle Scuole del Consorzio (si veda in proposito lo Statuto della fondazione, dal quale non risulta alcuna autorizzazione legislativa all’utilizzo della denominazione “Università” in: http://www.prepos.it/FederPREPOS/Microsoft%20Word%20-%20statuto%20fondazione.pdf). Lo stesso dicasi per l’Associazione scientifica L.U.I.BEN., che si autodefinisce “Libera Università Internazionale del benessere”, senza averne alcun titolo legale, o, perlomeno, senza fornire ai suoi potenziali clienti alcuna indicazione a garanzia del suo legittimo utilizzo. (Naturalmente, come sempre, restiamo a disposizione per immediata rettifica, con le nostre scuse, qualora gli interessati siano così gentili da smentire le nostre affermazioni fornendoci la prova del loro diritto all’utilizzo di questa denominazione).

Condividi :